Negli anni, Nonantola era diventata un luogo per lei abituale, e noi abbiamo avuto la fortuna della sua intelligenza e della sua amicizia.

La ricordiamo con le immagini e le parole del suo ultimo intervento nel convegno “Davanti a Villa Emma”, ringraziandola per le cose che ci ha insegnato.

Ultimamente pensavamo ad un incontro per affrontare il tema di un possibile centro di documentazione per memorie di migranti…

Sarà triste pensarci senza di te, cara Anna, e non ci consola l’ultimo abbraccio che ti mandiamo.